Fermati un albese e la sua compagna con oltre un chilo di hascish

Alba

I Carabinieri hanno assestato un altro duro colpo al mercato dello spaccio delle sostanze stupefacenti.
Sono stati arrestati due 20enni incensurati (M.C. di Alba e la sua convivente I.C. di Bra, entrambi figli di professionisti) con le gravi accuse di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti.
A loro sono arrivati i militari della stazione di Corneliano agli ordini del maresciallo Giovanni Ielo, dopo appostamenti e pedinamenti protrattisi per alcuni giorni. La coppia era tenuta sotto discreto controllo dai militari, insospettiti dal tenore di vita dei due giovani, entrambi disoccupati.
Nella serata di mercoledì scorso i Carabinieri hanno bloccato i due mentre si trovavano a bordo della loro vettura ed erano diretti ad Alba. La coppia ha tentato la fuga, ma è stata fermata. Nel loro veicolo i militari hanno trovato 600 grammi di hashish, già suddivisi in sei panetti.
Nell’appartamento affittato dai due arrestati è stata effettuata una perquisizione con la collaborazione di un’unità cinofila della Polizia penitenziaria di Asti, che ha consentito di rinvenire e porre sotto sequestro altri 450 grammi di hashish e una serra domestica per la coltivazione di marijuana, dotata di lampade alogene e condizionatori per garantire il microclima necessario allo sviluppo delle sei piante dell’altezza di circa un metro in essa coltivate.
Sono stati trovati anche numerosi semi di canapa indiana, una dose di cocaina e una dose dell’allucinogeno “Mdma”, diffuso perlopiù tra i giovani nelle discoteche, diventato famoso con la canzone del gruppo rock “Baustelle”.
I Carabinieri hanno sequestrato anche 12.500 euro in contanti, ritenendoli provento del traffico illecito.
Lo stupefacente, tra i più rilevanti quantitativi di droga sequestrati ad Alba, sul mercato clandestino avrebbe un valore di 6.000 euro

Sono state due in tutto le notti che la coppia ha dovuto trascorrere in carcere. Venerdì 17 ottobre, davanti al giudice del Tribunale di Alba Francesca Di Naro, ha avuto luogo l’udienza di convalida del fermo e i due legali dei ragazzi, Roberto Ponzio per l’albese, Caterina Pasini, d’ufficio per la braidese, hanno chiesto il patteggiamento per lo spaccio di sostanze stupefacenti e la coltivazione di marijuana, ottenendo la condanna a un anno con la condizionale. I giovani sono stati subito scarcerati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: