Narzole, tetto non sicuro: alunni a casa

Narzole

Nemmeno due mesi dopo essere rientrati a far lezione nelle loro aule, gli alunni delle elementari sono di nuovo senza un tetto (sicuro) sopra la testa. Mercoledì, infatti, un’ordinanza del Sindaco ha decretato la chiusura dell’edificio, dopo che una perizia ha rilevato la necessità di un intervento in tempi stretti per sistemare le magagne sussistenti dopo i lavori estivi.
Per tutta l’estate la scuola era stata oggetto di ristrutturazione con, in particolare, il rifacimento del tetto. I tempi dei lavori si era protratti oltre la durata delle vacanze, costringendo gli alunni a iniziare l’anno scolastico in sistemazioni provvisorie.
A novembre, però, si era fatto ritorno alla scuola di via Michelangelo e tutto lasciava intendere che lì si sarebbe rimasti in tutta tranquillità.
Tutto, tranne un sopralluogo ai piani alti. Quando il 12 dicembre due consiglieri della minoranza, ovvero Giacomo Arcostanzo e Mario Giaccardi, anche in virtù di quel che avevano visto (e che poco li aveva convinti) nei giorni in cui la ditta appaltatrice stava costruendo le capriate nella vicina piazza Giovanni Paolo II, si sono recati sul solaio per vedere come avesse risposto alle fresche nevicate, si sono subito resi conto che qualche cosa non tornava, tanto da far ritenere a rischio la stessa sicurezza della struttura.
Il giorno successivo hanno presentato un’interpellanza urgente affinché si prendessero provvedimenti e un immediato sopralluogo tecnico richiesto dall’Amministrazione ha indotto a far chiudere a tempo indeterminato la scuola.
Comunque il sindaco, Fiorenzo Prever, ritiene che la problematica si possa sistemare in breve tempo: «Attendiamo ancora i risultati delle verifiche tecniche, ma pare che i lavori per mettere in sicurezza il tetto e avere l’idoneità statica della struttura non richiedano tempi troppo lunghi, a meno di intoppi burocratici. La nostra speranza, quindi, è che al ritorno dalle vacanze natalizie gli alunni possano far lezione regolarmente nelle loro scuola. Da parte nostra, c’è grande rincrescimento per questo stato di cose e per l’incomodo che si dà agli alunni. Come Comune abbiamo dimostrato buona volontà anche nel reperire fondi per mettere in sicurezza la struttura. Certo che, se alcuni lavori non sono stati eseguiti a regola d’arte e sussiste anche un rischio minimo, riteniamo indispensabile intervenire di nuovo e in tempi brevi».
«Come richiesto dalla minoranza nell’interpellanza urgente», aggiunge il primo cittadino, «abbiamo istituito una commissione consiliare che andrà a fondo della questione, per determinare le cause di questo intoppo».
L’opposizione, da parte sua, sottolinea: «Non ci sono dubbi che i lavori siano stati eseguiti in modo perlomeno discutibile. La colpa di ciò non si può certo ascrivere all’Amministrazione, la quale però avrebbe forse potuto attuare controlli più attenti sull’operato della ditta, anche perché campanelli di allarme in questo senso c’erano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: