Asta del Barolo da record con Miss Italia

La Morra Protagonista dell’undicesima Asta del Barolo, svoltasi domenica presso l’azienda “Gianni Gagliardo”, è stato il “Re dei vini”, che ha ribadito il suo carattere internazionale e il grande fascino esercitati su operatori e appassionati. La “Barolo hall” di Serra dei Turchi ha accolto oltre duecento appassionati degustatori e compratori da varie parti del mondo, mentre altri acquirenti si sono radunati a Hong Kong, presso il ristorante Grissini del Grand hotel Haytt, e a Pechino, al ristorante Cepe del Ritz-Carlton hotel, collegati via Internet per rispondere alle lusinghe di questo prestigioso rosso piemontese. I lotti erano trentuno più uno di beneficenza, con una straordinaria carrellata di annate (diciotto in tutto, dal 1961 al 2006) e una passerella dei migliori produttori di questo vino: ventinove aziende, tra le quali Fratelli Oddero, Francesco Rinaldi, Bartolo Mascarello, Giacomo Conterno, Poderi Luigi Einaudi, Prunotto, Azelia, Cordero di Montezemolo, Rocche dei Manzoni, Michele Chiarlo, Poderi Aldo Conterno, Germano Ettore, Paolo Scavino, Parusso, Gigi Rosso, Domenico Clerico Tenuta Carretta, Elvio Cogno, La Spinetta e Cavallotto, oltre naturalmente al padrone di casa, Gianni Gagliardo che ha proposto anche il lotto di beneficenza, un doppio magnum di 3 litri di Barolo Docg “Serre” del 2004, battuto al prezzo di 5.200 euro e aggiudicato a Ferruccio Dardanello, presidente della Camera di commercio di Cuneo. Il ricavato sarà devoluto alla scuola alberghiera “Bosco hotel school”, fondata dal missionario piemontese salesiano in Cambogia padre Roberto Panetto. Dopo i tradizionali convenevoli di benvenuto, l’asta è iniziata sotto la regia del banditore Giancarlo Montaldo, uomo del vino di Langa, professionista molto apprezzato della comunicazione e dell’organizzazione aziendale. I risultati sono stati assai importanti, superiori persino a ogni più rosea aspettativa. Già il rialzo globale dei trentadue lotti è stato consistente: partendo da una base d’asta di 27.635 euro, l’incasso è stato di 78.180 euro, con un incremento di oltre il 272%. I lotti che hanno ottenuto risultati eclatanti sono stati numerosi. La performance più importante, dopo il lotto di beneficenza, è stata quella del lotto 12, costituito da un magnum di Barolo Docg “Monfortino” 1997 di Giacomo Conterno che, partendo da una base d’asta di 350 euro, è stato aggiudicato a 2.050 euro (+586%). Al secondo posto si è piazzato il lotto 18 (due bottiglie di Barolo 1961 dell’azienda Poderi e Cantine Oddero) che aveva una base d’asta di 350 euro ed è stato aggiudicato a 1.480 euro (+423%). Al terzo posto nella classifica dei lotti più rivalutati troviamo numero 1, costituito da tre magnum dell’annata 2003 dell’azienda Ettore Germano di Serralunga che partiva da 160 euro ed è arrivato a 660 Euro (+412,5%). In quarta posizione si è inserito il lotto 27, cioè tre bottiglie di “Monfortino” di Giacomo Conterno delle annate 1982, 1988 e 1990, che aveva una base d’asta di 600 euro ed è stato aggiudicato a 2.350 euro, con un incremento del 392%. Quinto si è piazzato il lotto 6 (doppio magnum di “Bussia” 2000 dell’azienda Prunotto di Alba) che da una base d’asta di 280 euro è stato aggiudicato a 1.020 euro (+364%). Una proposta del tutto particolare sono stati i lotti in barrique (228 litri, pari a 304 bottiglie) del Barolo “Serra dei Turchi” 2006. Sono quattro lotti di un vino che Gianni Gagliardo realizza per l’asta. Partendo da 3.600 euro l’uno, sono stati aggiudicati a cifre tra 8.100 e 8.500 euro, tutti tra Pechino e Hong Kong.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: