Arpa: quei veleni preoccupano

Bra

Riceviamo per conoscenza e pubblichiamo una lettera aperta inviata dal circolo Legambiente al sindaco, Camillo Scimone, all’assessore all’ambiente, Giovanni Marco Gallo, e all’Ufficio ambiente-igiene-sanità del municipio, con alcune considerazioni in vista della Conferenza dei servizi di oggi, martedì 1° luglio, relativa al rilascio dell’autorizzazione al Piano di caratterizzazione del sito industriale di via Piumati dell’“Arpa”.

Dopo attenta lettura degli atti e opportune riflessioni, condivise con i soci del Direttivo del circolo di Legambiente Bra e di Legambiente Piemonte, si espone quanto segue.
1) Che il sito industriale di via Piumati 91 sia inserito nell’anagrafe dei siti contaminati, e quindi da bonificare, in ottemperanza all’articolo 17 comma 12 del decreto legge 22/97 e sia codificato con il n. 01724 a livello regionale e con il codice n. 00066 a livello provinciale, ci preoccupa in relazione alle maestranze, alla città tutta, ma in particolare per il quartiere Oltreferrovia, già provato da costante e grave inquinamento atmosferico nel periodo invernale.
2) Domandiamo che i monitoraggi dei pozzi, delle falde e dei suoli pertinenti ai ben 15 ettari (150 mila metri quadrati) dello stabilimento in oggetto siano più frequenti e d’ora in poi costanti.
3) La stessa bonifica delle acque che pare avviata con il pompaggio continuo dal piezometro interno allo stabilimento, come da lettera della Provincia (prot. cn 0028348 del 20 maggio 2008), venga costantemente monitorata e la cittadinanza, a norma di legge, sia informata degli sviluppi che non potranno che essere totalmente risolutivi in modo da riportare l’acquifero superficiale e i suoli a un buon livello d’originalità.
4) L’acquifero e il suolo (i campioni prelevati a 2, 2,3 metri dal p.c) del pozzo Mw14, sito nello stabilimento, presenta una concentrazione soglia di contaminazione ben oltre i limiti consentiti dalla legge sia per prodotti chimici connessi alla produzione presente che per quelli che vengono definiti non appartenenti ai processi produttivi dell’“Arpa industriale”. Se i primi paiono essere causati da rilascio accidentale e la sorgente primaria di contaminazione pare sia ubicata in corrispondenza del reparto di preparazione resine, per i secondi (arsenico, ferro, manganese) invece s’ipotizza che la sorgente sia ubicata al di fuori dello stabilimento. La lettura dei dati della contaminazione di ferro, manganese e arsenico, dovrebbe riorientare il Consiglio comunale che recentemente ha autorizzato a ridosso dello stabilimento dell’“Arpa industriale” la costruzione di unità residenziali.
5) Auspichiamo che giunga a buon fine l‚acquisizione dell’autorizzazione integrata ambientale da parte dell’“Arpa industriale” spa.
6) Ci rammarica avere letto nel testo inviato dall’Azienda alle autorità competenti il 9 maggio 2008 che il superamento della concentrazione della soglia di contaminazione (Cdc) in merito al ferro, al manganese, all’arsenico, al 2, 4, 6 triclorofenolo, al pentaclorofenolo e agli idrocarburi totali si sia scoperta anche in occasione di una campagna di verifica della qualità ambientale del sito, in funzione di una futura acquisizione dello stabilimento da parte di altra società.

Gianni Rinaudo
(presidente del circolo Legambiente di Bra)

Annunci

Una Risposta to “Arpa: quei veleni preoccupano”

  1. saccomandi Says:

    Devo purtroppo constatare che in questi gravissimi fatti sono lenti e non trasparenti i controlli.
    Dovrebbe essere,a mio avviso,velocissimi gli amministratori e l’arpa nell’eseguire i controlli,avvalendosi di testimoni esterni e neutrali,dandone immediata comunicazione alla popolazione ed alla azienda.
    minacciare di lasciare famiglie senza lavoro se si va a scavare a fondo fa venire molti dubbi.
    La fiducia nei nostri amministratri mi fa bene sperare circa una dettagliata e veritiera( e perchè no,veloce) disamina del caso,con pubblicazione dei risultati di analisi su tutti i giornali braidesi. Altrimenti………le nuove elezioni sono molto vicine……

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: