Finale scudetto, rivincita Bra-Roma

Saranno i piemontesi del Hc Bra e i romani della De Sisti a giocarsi la finale play-off del campionato italiano di hockey su prato, riproponendo la sfida appassionante dello scontro scudetto 2007. L’Hc Bra, capolista della stagione regolare, ha avuto la meglio sull’Amsicora dopo un doppio scontro che ha lesinato attimi di suspance.
La prima gara, disputata sabato, ha visto i padroni di casa regolare con facilità i sardi, imponendosi per 2 a 0, grazie a gol di Loris Perelli su deviazione dopo una decina di minuti dall’avvio del match e di Devis Mapelli con un bel tiro di rovescio sul finire del primo parziale. Se di sabato la partita è stata a senso unico, con i braidesi sempre padroni del gioco e i sardi autori di qualche buono spunto con 3 o 4 corti, la gara di domenica ha avuto un andamento assai più rocambolesco. L’Hc Bra, infatti, passa in vantaggio con Singh, dando l’impressione di poter sbrigare senza affanni la pratica qualificazione. Invece, la parte finale del primo tempo ha riaperto decisamente i giochi, dal momento che, complice un passaggio a vuoto dei gialloneri, l’Amsicora riesce a pareggiare i conti con un tiro dal limite di Murgia. I sardi, risollevati dall’essere riusciti a smuovere il tabellino, iniziano a credere all’impresa e prima che l’arbitro indichi gli spogliatoi per l’intervallo riescono ad andare a rete ancora due volte, grazie a due corti finalizzati da Ziglio.
Negli spogliatoi i due coach braidesi, Anania e Berrino, hanno un po’ rimesso le cose in ordine e la ripresa ha restituito un’Hc Bra assoluta protagonista, lontana partente di quella vista negli ultimi minuti del primo tempo.
La rimonta braidese inizia presto con Max Lanzano che si procura un rigore, trasformato poi da Loris Perelli, mentre il gol del 3 a 3 arriva su un infortunio difensivo dei sardi, che deviano nella propria rete un cross di Devis Mapelli.
Agguantato il pari, la situazione è tornata a essere piuttosto rosea per i gialloneri, poiché a quel punto l’Amsicora avrebbe dovuto mettere a segno due reti per allungare la sfida ai supplementari o addirittura tre per superare il turno. Ma nessuna delle due eventualità si è trasformata in realtà. anzi proprio a pochi giri di lancette dell’orologio dalla conclusione, Max Lanzano finalizza un’azione di contropiede, regalando il definitivo 4-3.
Andamento contrario per l’altra semifinale, con il Roma in difficoltà nella prima gara e in versione caterpillar nella gara di ritorno.
Sabato, infatti, il De Sisti aveva colto un risultato a dir poco fortunoso contro la Suelli: il 2-2 finale, infatti, è stato frutto di una segnatura capitolina giunta proprio nell’ultima azione utile, a fronte di una gara che la Sapori di Sardegna aveva giocato meglio per larghi tratti.
La domenica, però, la De Sisti ha onorato il titolo di campione d’Italia e colto una larga vittoria per 4-1 che la proietta alla doppia finale.
Le due gare che decideranno la destinazione del titolo saranno giocate sabato 21 giugno e domenica 22 giugno, entrambe in casa del Bra, dato che in campionato i piemontesi hanno ottenuto un piazzamento migliore.
Il terzo posto, invece, è stato assegnato al Suelli Sapori di Sardegna. Secondo regolamento, infatti, il gradino più basso del podio spetta a quella delle due squadre, uscita sconfitta dalla semifinale, che nella stagione regolare ha conquistato il piazzamento migliore. E il Suelli ha chiuso la sua stagione al terzo posto, che ha quindi confermato anche in sede di play-off.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: